eventi

- Organizzato da INU Veneto

Verso il Congresso dell’INU Veneto
17 maggio 2012

Scarica la locandina

Il prossimo 17 maggio 2012 si terrà a Padova l’assemblea elettiva della sezione Veneto dell’ISTITUTO NAZIONALE DI URBANISTICA (INU). Si intende utilizzare questa opportunità per sviluppare una riflessione in merito allo stato del territorio e degli strumenti di governo del territorio.
La proposta che l’INU Veneto fa ai soci dell’Istituto ma anche a tutti gli attori coinvolti, dalle pubbliche amministrazioni ai tecnici, ai progettisti e agli imprenditori, vuole incentrarsi sulle criticità che coinvolgono i processi di trasformazione urbana e gli strumenti che si hanno a disposizione per governarli.
Da decenni si va affermando che il territorio è una risorsa limitata e che non si può consumare, che la priorità è il recupero e la riqualificazione urbana, e che servono nuovi strumenti in quanto quelli a disposizione sono stati pensati in un’altra epoca in un altro scenario: quello della crescita per diffusione. Da decenni però i processi urbanistici hanno fatto registrare il proseguimento indisturbato di quel modello che nonostante i costi, soprattutto infrastrutturali, risultava più semplice, più condiviso. Per contro nelle nostre città (grandi o piccole che fossero) si sono moltiplicate aree e edifici dismessi senza che operatori pubblici o privati fossero capaci di tradurre i tanti progetti in opere.
Oggi, segnati dalla crisi, tutti siamo costretti a rivedere convinzioni, modelli operativi e a misurarci con nuove sostenibilità anche economiche. I processi di recupero e riqualificazione urbana non sono più solo una opportunità, ma stanno diventando l’unica modalità possibile di intervento nelle città.
Ai tradizionali vuoti urbani determinati dalle aree dismesse (industrie, scuole, ospedali, caserme, ecc.) si sommano nuovi spazi e nuovi edifici prodotti dal cosiddetto federalismo demaniale, incidendo in modo sostanziale sui valori dei beni e sulle reali potenzialità di valorizzazione di tali beni. Per lungo tempo infatti nel nostro paese, anche in ragione della bolla immobiliare, le aree dismesse sono state molto sopravalutate e i progetti di trasformazione caricati conseguentemente di volumi, fenomeno quest’ultimo che lungi dal premiarli spesso ha prodotto soluzioni non accolte sul mercato.
La fase che stiamo attraversando, pur nella crisi, sembra indicare una soluzione tutta orientata alla qualità urbana, alla densificazione senza che questo significhi sempre riempimento, all’aumento delle dotazioni urbanistiche e non ultimo alla infrastrutturazione delle reti per la mobilità.
La vera scommessa sembra essere quella di operare con valorizzazioni minori, ma con un maggiore attenzione per la città pubblica; una scommessa che coinvolge anche gli operatori privati i quali non a caso sono in prima linea nel sostegno agli interventi normativi e progettuali indirizzati alla rigenerazione urbana.

In altri termini significa superare la logica semplice del Piano Casa, che poco o nulla è riuscita a produrre, per assumere l’ipotesi di riqualificazione urbana investendo i processi di dismissione, ma anche avviando nuovi processi di sostituzione nei confronti degli spazi e del patrimonio degradato dal punto di vista urbanistico, edilizio ed energetico.

La proposta dell’INU per sviluppare una riflessione indirizzata anche ad un aggiornamento, riforma della legge urbanistica capace di rispondere a questi problemi si articola in due seminari per concludersi poi nell’Assemblea del 4 maggio a Padova.

Primo incontro 4 aprile 2012 ore 15 – 18 Venezia
Sala di rappresentanza del Palazzo grandi Stazioni a Venezia
Tema
Dismissioni verso rigenerazione: interpretazioni, casi di studio, proposte operative

Secondo Incontro 14 aprile 2012 ore 9.30 – 13 Vicenza
Forum center di Vicenza
Tema
I percorsi e gli esiti normativi: la regione Puglia, Lombardia e le proposte del Veneto

Terzo incontro 17 maggio 2012 ore 9.30 – 13 Palazzo Moroni, sala anziani, Padova
Tema
Il congresso dell’INU Veneto: NUOVI PROGETTI PER LE CITTÀ
(scarica il programma in pdf)

Sono inviati ai seminari preparatori
Claudio Orazio, Sindaco del comune di Cavallino Treporti (VE)
Giuseppe Danieli, Sindaco del Comune di Monteviale (VI)
Ezio MIcelli, Assessore all’Urbanistica Comune di Venezia
Oscar Girotto, Comune di Venezia
Ambra Dina, Comune di Venezia
Ivo Rossi, Vicesindaco di Padova
Franco Fabris, Comune di Padova
Vanda Antoniazzi, Comune di Vittorio Veneto
Mauro Mantovan, Assessore del Comune di Chioggia
Chiarioni Daniele, Sindaco Comune di Occhiobello
Antonio Bortoli, Comune di Vicenza
Francesca Lazzari, Assessore comune di Vicenza
Paolo Bononsegna, Comune di Verona
Maurizio Bonfante, Comune di Legnago
Giorgio Pizzolato, Vicesindaco e Assessore del Comune di Schio
Roberto Travaglini, Associazione Industriali della provincia di Vicenza
Italo Candoni, Industriali del Veneto
Fabio Achilli, Fondazione di Venezia
Giulio Fortuni, CISL Veneto
Direzione Urbanistica della Regione Veneto
Danilo Gerotto, Comune di San Donà di Piave, Provincia di Venezia
Inoltre verranno invitati rappresentanti degli ordini degli architetti, ingegneri e avvocati
L’ AUDIS, Il Centro Studi Ingegneri del Veneto e i soci dell’INU Veneto

Mi auguro di poterla avere tra noi in queste giornate di lavoro ed in attesa di incontrarla colgo l’occasione di inviarle i miei migliori saluti

Comitato organizzatore dell’INU
Franco Alberti, Marisa Fantin, Andrea Rumor, Francesco Sbetti

mappa
allegati
« novembre 2017 »
LunMarMerGioVenSabDom
  0102030405
06070809101112
13141516171819
20212223242526
27282930   
pubblicazioni
CALL a cura di Pietro Garau e Marichela Sepe
18/11/2017
17/11/2017