eventi
Pianificazione energetica e politiche del clima nel nuovo piano
Senigallia
16 novembre 2007

L’integrazione delle politiche locali energetiche e di protezione climatica nei processi di governo del territorio

Convegno nazionale - Senigallia 16 novembre 2007
Rotonda a Mare
Piazzale della Libertà

01 Contesto

Lo scenario generale delle emergenze ambientali ed energetiche, dei cambiamenti climatici tangibili sono oggetto di un’attenzione fino a qualche anno fa impensabile da parte dell’opinione pubblica.

Le opportunità economiche e fiscali poste in essere dalle normative vigenti e di fondi europei attingibili fino al 2013 incentivano la via dell’innovazione tecnologica e organizzativa orientata allo sfruttamento delle energie rinnovabili e all’efficienza energetica delle strutture insediative (produttive, terziarie, residenziali e miste), sia esistenti che di nuova realizzazione.

Più stimolante appare la prospettiva di intervenire sulle strutture profonde dello sviluppo, e quindi orientare le strategie di governo del territorio (dal livello comunale a quello delle agglomerazioni urbane sovracomunali fino al livello regionale) verso minor consumo di suolo, minore congestione dei territori vallivo-costieri e minore dispersione degli insediamenti produttivi, elevati standard ambientali ed energetici, riduzione dei rischi naturali, planning dei sistemi urbani in grado di rafforzare relazioni e qualità delle "città potenziali".

La scommessa è quella di convertire il modello di sviluppo in un nuovo modello sostenibile, di rinnovare in profondità la cultura politica e tecnica, di coinvolgere i vari livelli istituzionali.

02 Sfide

Lo sviluppo di strategie sostenibili per le aree urbani è centrale, ma p ancora per molti aspetti da costruire il percorso disciplinare di integrazione delle strategie di sostenibilità nel governo urbanistico del territorio, sia alla scala delle singole realtà urbane, sia alla scala dei sistemi urbani funzionali, fino alla scala regionale.

Le nuove strategie urbane sostenibili, nel raccogliere la sfida relativa alla protezione del clima ed al risparmio delle risorse, non possono prescindere dal definire obiettivi/contenuti/strumenti/ruoli riferiti a:
- la produzione di energia (come, dove, quando e quanto, energie rinnovabili)
- il consumo di energia (come e dove risparmiare - innovazione tecnologica)
- la prevenzione dei cambiamenti climatici (meno emissioni climalteranti - meno traffico, più trasporto pubblico, infrastrutture adeguate alla razionalizzazione/riduzione del traffico ecc.)
- scelte insediative a basso impatto sul consumo di suolo e di energia
- adeguamento ai cambiamenti climatici
- mitigazione e adattamento come campo di azione integrato nella gestione del territorio

03 Domande

1. Come è avvenuta finora l’integrazione delle strategie di protezione climatica e di produzione/consumo energetico ai vari livelli di governo del territorio e quali sono le esperienze recenti di pianificazione più innovative ed avanzate sotto questo profilo?
In particolare:
- a livello nazionale a che punto è la ridefinizione del piano energetico nazionale e soprattutto in quale conto si sta tenendo la necessità di coordinamento delle politiche energetiche delle regioni, molto differenziate tra loro?
- a livello regionale, a che punto è il percorso di definizione di nuove strategie energetico/territoriali, in altre parole, qual’è l’attuazione dei Piani Energetici Regionali, esistono ad oggi interessanti esperienze di innovazione dei sistemi di produzione e consumo energetico alla scala territoriale, che abbiano effettivamente valorizzato le risorse energetiche dei territori, in termini realmente competitivi?
- a livello comunale e sovracomunale, quali sono le più avanzate esperienze di promozione/sviluppo delle fonti rinnovabili, di promozione/sviluppo del risparmio energetico anche a scala edilizia, di riduzione dei gas climalteranti (sequestro del CO2)?

2. Se il "Nuovo Piano" di livello comunale come d’area vasta, che emerge dalle più recenti ed innovative leggi urbanistiche regionali e dalle relative esperienze oltre che dalla proposta di legge nazionale alla quale l’INU ha collaborato, è adeguato per raccogliere la sfida dell’integrazione delle strategie di sostenibilità nel governo del territorio, con particolare riferimento alla protezione del clima ed al risparmio delle risorse energetiche, dove e come è possibile l’integrazione ai diversi livelli:
- livello strutturale (forme dell’insediamento, sistema infrastrutturale, gestione della mobilità)
- livello operativo (regolamento urbanistico, norme edilizie)?

3. In generale, quali sono gli ostacoli da prendere in considerazione per l’introduzione di una nuova strategia comprensiva della protezione del clima e dell’uso razionale dell’energia?

Comitato scientifico:
Claudio Centanni
Sauro Moglie
Simone Ombuen
Giovanna Rossellini

Segreteria:
urbanistica.segreteria@comune.senig...

allegati

 Depliant - PDF, 537.9 Kb

galleria
#TITRE|sinon{}  
« novembre 2017 »
LunMarMerGioVenSabDom
  0102030405
06070809101112
13141516171819
20212223242526
27282930   
pubblicazioni
CALL a cura di Pietro Garau e Marichela Sepe
18/11/2017
17/11/2017